Come prepararsi ad uno shooting per il feed di Instagram

Ti trovi a scrollare profili su profili su Instagram e noti che, rispetto al tuo, i feed che vedi sembrano più curati e coerenti. Come mai? Probabilmente perché quelle pagine hanno studiato e messo a punto quello che definisco essere un feed armonico, ovvero un insieme di immagini che appare ben uniforme e che non lascia nulla al caso.

Oltre alla bio, infatti, il feed è la parte di una pagina Instagram che prima viene visitata e può far decidere in pochi secondi sull’arrivo di un nuovo clic su “Segui” o meno. Capisci allora come sia importante che ogni tuo post debba seguire una logica, non solo nel tipo di contenuti che pubblicherai, ma anche a livello visivo.  

Come vedrai, per costruire un buon feed dovrai prima pensare ad un preciso stile da seguire, per cui ti potrai far ispirare da una moodboard, e poi riempirlo di immagini grazie ad uno shooting fotografico, che realizzerai tu o un fotografo.

Non ti preoccupare se non ti senti propriamente un grande artista della fotografia: tutto ciò che ti serve è allenare l’occhio allo stile che vuoi ricreare, armarti di pazienza (sempre) e seguire i miei consigli sul come organizzare un buono shooting fotografico.    

Shooting fotografico per il feed Instagram: da dove partire?

Osserva il feed del mio profilo Instagram: quanti shooting fotografici credi abbia dovuto fare per tutte le immagini? Uno per ogni 2-3 foto? Assolutamente no! 

Non è necessario fare molti shooting se si hanno le idee chiare su come si vuole che appaia la propria pagina IG. Io, ad esempio, ne realizzo solo due all’anno ma faccio un numero di foto tale da bastarmi per i successivi 6 mesi.

Come fare per avere una visione così precisa di cosa raggiungere? Avere un piano editoriale ovviamente aiuta ma è realisticamente improbabile averne uno che duri un intervallo di tempo di molti mesi senza che venga mai cambiato nel corso del tempo.

Piuttosto, è fondamentale tenere sempre a mente i valori ed i temi che caratterizzano e ispirano il tuo profilo. In base a questi, creo foto che rappresentano quello che voglio esprimere. Seguendo questo tipo di logica, è più semplice anche associare alle immagini delle buone caption. L’identità visiva (visual identity) del profilo, quindi lo stile che contraddistingue il nostro profilo, è un aspetto fondamentale da realizzare per far sì che questo si distingua dagli altri e ci renda unici e riconoscibili. In questa diretta approfondisco ulteriormente questo discorso.

L’obiettivo finale a cui punterai sarà quello di realizzare un feed armonico perché, come anticipato, il feed è tra le prime cose che un utente che non ci conosce andrà a vedere. Costruire una vetrina equilibrata non significa usare lo stesso preset in tutte le foto ma considerare, oltre allo stile e ai colori che sceglieremo, anche la composizione delle singole foto ed il loro giusto posizionamento all’interno del feed.         

Che cos’è la moodboard, a cosa serve e come crearla

Possiamo considerare la moodboard fotografica come il nostro punto di partenza per ottenere una panoramica visiva di come dovrebbe essere la pagina Instagram. La moodboard contiene, infatti, tutti i reference, ovvero le foto a cui ci si vuole ispirare.

Per creare una moodboard ben organizzata si può usare Pinterest, dove semplicemente raccoglierai tutte le immagini che più ti piacciono in cartelle a tema o nel feed generico.

 Da dove puoi prendere ispirazione per creare una moodboard? Prova a farti delle domande prima di scegliere le foto per la moodboard: quali sono i temi ed i valori che voglio esprimere nel mio feed? Quali sono i colori (la palette) e gli oggetti in grado di trasmettere questi messaggi al mio target di riferimento? 

Analizza poi le foto che aggiungi alla moodboard e chiediti quali sono gli elementi che ti colpiscono di più: perché ti piacciono? Tutte le risposte a queste domande ti avvicineranno sempre di più alla definizione del tuo stile.     

Consigli per shooting casalingo fai da te 

Se stai da poco iniziando ad aggiungere foto sulla tua pagina IG o non vuoi ancora investire in un fotografo professionista o in una location, puoi tranquillamente partire dal fare le foto da te a casa o dove preferisci. 

Anche io ho iniziato in questo modo prima di realizzare che programmare un paio di shooting all’anno mi avrebbe fatto risparmiare tempo. Con l’esperienza comunque capirai da solo cosa è meglio per te in questo senso.

Cosa fotografare? Qualsiasi sia ciò che proponi, la vendita di un prodotto o l’offerta di consigli o consulenze, è sempre ricordare di far rientrare il soggetto in un contesto in cui riesca a “prendere vita” invece di un anonimo sfondo bianco, e poi di metterci la faccia! Come abbiamo già visto per le storie , ai follower importa creare un legame con te, e come puoi crearlo se non ti mostri neanche nel tuo feed? 

 Cosa ti consiglio di preparare per uno shooting in casa?

  • Rendi l’ambiente accogliente con un po’ di musica
  • La tua preziosa moodboard che userai come guida visiva
  • Indossare vestiti con colori che rimandino alla palette che preferiamo per le foto. Io, ad esempio, scelgo 2 pantaloni e 4 top e li mischio per creare diversi outfit
  • Anche la scelta della location dovrebbe tener conto della palette di colori che vuoi ricreare: se non hai a disposizione nel luogo dello shooting le stesse tonalità, ti consiglio almeno di scattare in un ambiente dai colori più neutri possibili
  • Oggetti (props) che arricchiscano le foto. Questi particolari che cattureranno l’attenzione devono far riferimento a ciò che usiamo di più durante il lavoro: ad esempio, il pc, l’orologio o una tazza, ma possono essere anche oggetti che metaforicamente possono rappresentare ciò che facciamo. In questo mio post da Pinterest, spiego come sono arrivata a scegliere un busto per le mie foto che sta a simboleggiare il mio lavoro con le persone
  • Nel caso tu sia una donna, puoi giocare con il make up per variare il look, cambiando magari il rossetto tra uno scatto e l’altro 
  • Pulisci la lente della fotocamera prima di iniziare
  • Cerca di sfruttare al massimo la luce naturale. Io ho approfittato della luce del giorno realizzando tutte le foto vicino alla finestra. Ottenendo una foto naturale, non solo la farà apparire meglio, ma ti farà risparmiare un successivo gran lavoro di editing 
  • In post produzione, evita il preset quanto più possibile per non far risultare le foto troppo artificiose, anche perché questo tool non andrà necessariamente bene per tutte le immagini. Il preset non deve essere la base su cui ti muovi, ma uno strumento da usare con parsimonia e intelligenza.  

Consigli per shooting con fotografo professionista 

Come ti ho anticipato nello scorso paragrafo, dopo aver tentato la strada degli shooting casalinghi, ho poi preferito farmi aiutare dalla mano o, meglio, l’occhio esperto di un fotografo professionista per ottenere ottimi risultati in meno tempo. Ovviamente, questa è una scelta che sta solo a te: se ti ritieni soddisfatto delle sessioni fotografiche che hai realizzato da te, non sei obbligato a richiedere la prestazione di un professionista, anzi.     

Il primo passo da fare prima di realizzare uno shooting professionale è cercare un fotografo che ti metta a tuo agio, conosca le logiche di Instagram e capisca, dopo un incontro conoscitivo in cui presenterai la tua moodboard, ciò di cui hai bisogno. 

Per vedere se il fotografo che contatterai può andare bene per il tuo stile, dai prima un’occhiata al suo portfolio e fai caso al tipo di colori o di effetti che usa.   

Non importa se il fotografo sia specializzato nel tipo di foto che vuoi (nel caso specifico, in Personal Branding), ma che sappia dove saranno pubblicate e quale finalità andranno a compiere. Nel momento in cui cerchi un fotografo, cerca perciò di sapere se possiede una sola specializzazione da cui non evade (ad esempio, se fa solo ritratti, non fa al caso tuo) o se lavora in più modalità. Potrebbe ovviamente capitare di non trovarsi bene con qualcuno, ma definire al meglio le tue esigenze dall’inizio ti permetterà di risparmiare tempo e realizzare uno shooting più che soddisfacente.

Trovato un fotografo? Bene, come si procede?

  • Scelta della location: questa è di solito proposta dal fotografo che scegli in base alla moodboard che gli mostrerai. Prestare attenzione allo stile della location è importante per stabilire il mood delle foto: è troppo moderna/classica? Anche la location presenta dei colori predominanti: rientrano nella nostra palette? 
  • Ricorda che per non fare apparire il feed tutto uguale ma armonico dovranno essere scattate molte foto diverse. Per questo motivo, fai in modo che lo shooting contenga sia delle immagini che ritraggono sia te ma anche i soli props. Puoi in seguito scegliere di usare queste ultime foto in modo più libero, aggiungendovi una caption qualsiasi, anche non necessariamente legata all’immagine. 
  • Dopo la scelta dei modelli/soggetti, andrà curata quella dei vestiti. Così come già detto per lo shooting a casa, idealmente sia gli outfit che lo sfondo devono rispettare i colori della palette che hai scelto per il tuo feed. Se non si trova una location con le stesse tonalità della palette, se ne può usare una dai colori neutri. Non sottovalutare neanche il tipo di vestiti che indossi: io, ad esempio, per comunicare il concetto di lavorare in comodità e senza ansia, ho prediletto elementi casual come jeans e top non troppo elaborati.
  • Qual è il tema dello shooting? Cosa vuoi che evochino le foto? Cerca di ragionare in maniera astratta/metaforica e aiutati anche con i prop che traducano simbolicamente e visivamente il concetto che si vuole esprimere e l’attività che svolgi. 
  • Per quanto riguarda le pose, anche il fotografo potrebbe essere d’aiuto ma, per un buon risultato, è consigliabile incominciare a studiare da soli delle pose prima dello shooting. Altra piccola dritta che posso darti è quella di muoverti lentamente durante lo shooting per ottenere degli scatti dall’effetto naturale.

Come in tutti i campi, anche su Instagram bisogna avere pazienza per ottenere buoni risultati. In questo caso, può volerci del tempo per identificare il tuo stile, trovare un fotografo adatto o creare un buon numero di post tali da rendere finalmente il tuo feed armonico. Non ti preoccupare se non riscontri risultati immediatamente, continua a studiare e applica ogni giorno le tue nuove conoscenze ed arriveranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una Newsletter davvero Amazing!

Vuoi leggere tutte le settimane delle newsletter davvero amazing, piene di consigli per crescere, vendere e ottenere interazioni su Instagram?
Non perdere altro tempo e iscriviti subito per ricevere le prossime!

Chi è Grace?

Sono una Instagram e Community Specialist che ha reso la propria passione un business di successo. Aiuto creator, professionisti ed artigiani a fare lo stesso utilizzando Instagram con strategia.

Gli articoli che non puoi perderti

spunta blu instagram

Come avere la spunta blu su Instagram

Meta ha dato la possibilità a chiunque di ottenere la spunta blu su Instagram, ma a pagamento. Infatti per avere...

Leggi tutto l'articolo >
5-motivi-per-i-quali-perdi-follower-su-Instagram

5 motivi per i quali perdi follower su Instagram

A più riprese ho parlato di cosa fare per crescere su Instagram, ma c’è anche l’altra faccia della medaglia da...

Leggi tutto l'articolo >
Insight-di-Instagram-come-analizzarli

Insight di Instagram: come analizzarli

Se si vuole capire se una pagina di Instagram (o qualsiasi altro tipo di progetto) stia crescendo o ha bisogno di...

Leggi tutto l'articolo >

Vorresti realizzare insieme contenuti per il blog?

Newsletter

Newsletter